Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Asiago

Provincia di Vicenza - Regione del Veneto


Contenuto

News

Logo del Comune Logo del Comune

PROCEDURA NEGOZIATA PER LA CONCESSIONE IN USO PRECARIO DEI LOTTI DELLA POSSESSIONE AGRICOLA KABERLABA GRAVATA DI USO CIVICO


1) In attuazione della deliberazione di Giunta Comunale del 28 Novembre 2017, n. 155, per il giorno 18 Dicembre 2017 alle ore 15, presso la Sala Consigliare della Sede Municipale in Piazza II° Risorgimento, 6, si procederà, ai sensi degli artt. 5 e 6 del Decreto legislativo 18 maggio 2001, n. 228, e ai sensi dell’art. 51, comma 3, della Legge 03.05.1982, all’esperimento, come stabilito dal D.Lgs 63/2006, di Procedura negoziata per la concessione in uso precario dei 3 lotti costituenti la Possessione agricola denominata Kaberlaba, come in calce elencati, con l’osservanza di tutte le norme, in quanto compatibili, contenute nel Capitolato Disciplinare Tecnico Economico dei Pascoli Montani costituenti Uso Civico del Comune di Asiago approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 81 del 10 aprile 2001, e per quanto non in contrasto con il predetto Capitolato, con l’osservanza di tutte le norme contenute nel Disciplinare Tecnico Economico per l’utilizzazione di pascoli montani approvato con deliberazione di Giunta della Comunità Montana Altopiano dei Sette Comuni del 26 aprile 2002, n. 33,  ed esclusivamente previa sottoscrizione di Concessione-contratto in deroga ai sensi dell’art. 45, comma 2, della legge 3 maggio 1982 n. 203. Ai sensi dell’art. 3, comma 4) del citato Regolamento comunale possono presentare richiesta di concessione solo coltivatori, singoli od associati, con sede nel Comune di Asiago e aventi diritto di Uso Civico.

 

A pena di esclusione le offerte dovranno essere redatte esclusivamente su modulo da ririrarsi presso l’Ufficio Patrimonio ed Ecologia in via Giovanni Aprosio, 1, di Asiago tutti i giorni feriali dalle ore 10 alle ore 12.  Il modulo regolarizzato in bollo da € 16,00 dovrà essere posto in una busta chiusa recante la scritta “OFFERTA” e firmata sui lembi di chiusura. Questa busta sarà poi messa in un plico che sarà chiuso e firmato sui lembi di chiusura e che recherà la scritta “PROCEDURA NEGOZIATA PER CONCESSIONE LOTTI POSSESSIONE AGRICOLA KABERLABA”. Nel plico dovrà essere contenuto altresì, e a pena di esclusione, oltre alla busta dell’offerta, anche quanto segue:

 

1 - Prova della avvenuta costituzione della cauzione provvisoria  nella misura e  nelle forme previste.

 

2 - Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà sottoscritta dall’offerente resa sul modello da ritirarsi presso l'Ufficio Patrimonio ed Ecologia.

 

La mancanza anche di uno solo fra i documenti e gli atti sopra indicati e nelle forme richieste, costituisce motivo di esclusione dalla Procedura negoziata.

 

Le Offerte dovranno essere consegnate direttamente al Protocollo comunale in Piazza II° Risorgimento, 6, entro le ore 12 del giorno 18 Dicembre 2017. a pena di esclusione dalla Procedura negoziata e sarà cura del partecipante che il responsabile del Protocollo apponga sul plico data e ora della consegna nonché il timbro di ricevimento del plico stesso assumendone ogni alea e rischio. In caso di mancata indicazione del giorno e ora nonché del timbro di ricevimento sul plico da parte del responsabile dell’Ufficio Protocollo o suo delegato, non si procederà all’apertura del plico stesso e il concorrente sarà immediatamente escluso dalla Procedura negoziata.

 

I lotti sono concessi esclusivamente per fini zootecnici escluso ogni altro fine e uso, e nello stato in cui si trovano alla data odierna, con esclusione di ogni manufatto ivi insistente, con tutti i pesi e i vincoli che gravano sui predetti fondi sia attuali che futuri.

 

I lotti sono identificati con i numeri 1 (prato), 2 (prato) e 3 (pascolo). Per i lotti n. 1 e 2 è obbligatoria la coltivazione a prato, è comunque ammesso l'uso a pascolo dei predetti dopo lo sfalcio. Il carico di bestiame per il lotto n. 3 deve essere fatto secondo gli usi consuetudinari. L'Amministrazione comunale si riserva di effettuare il controllo del carico nel modo che riterrà più opportuno.

 

L’Amministrazione comunale si riserva di revocare in qualunque momento la concessione per l'area indicata nell’allegata cartografia con tratteggio a croci relativamente al lotto n. 2. La conseguente riduzione del terreno concesso, dovuta alla revoca parziale per l'area indicata, potrà comportare la corrispondente riduzione del canone annuo in misura proporzionale alla superficie ridotta.

 

L’area di pertinenza del fabbricato rurale ricadente sul mapp. n. 218,  è già esclusa dal computo della superficie complessiva del lotto n. 2.

 

A norma dell’art. 3, comma 4, del richiamato Disciplinare Tecnico Economico vigente, la partecipazione alla Procedura negoziata è riservata ai soli residenti nel Comune di Asiago.

 

Alla Procedura negoziata possono partecipare esclusivamente Imprese agricole a titolo principale con sede in Asiago.

 

I lotti saranno concessi alle Imprese Agricole che avranno offerto il maggiore incremento in euro, espresso in cifre e in lettere, sulla base del prezzo stabilito nell’elenco in calce, a margine di ciascun lotto.

 

Non sono ammesse offerte in diminuzione rispetto al prezzo unitario annuo posto a base della Procedura negoziata.

 

In caso di parità di offerte si procederà all’aggiudicazione tramite estrazione a sorte.

 

Il pagamento del canone annuo di concessione avverrà nei tempi e modi stabiliti dall’art. 15 del vigente Disciplinare Tecnico Economico e pertanto in due rate annuali con scadenza il 15 agosto e il 15 novembre.

 

Il canone annuo di concessione sarà annualmente aumentato sulla base della variazione del costo medio della vita come accertato dall’Istat.

 

Non potranno partecipare alla Procedura negoziata e comunque saranno esclusi dalla medesima, i soggetti che sono recidivi in contravvenzioni per cattiva conduzione di beni comunali in precedenti rapporti con l’Ente proprietario, purché definitivamente accertate o che risultino oggetto di provvedimenti di inidoneità emanati dal Servizio Forestale Regionale alla conduzione di pascoli montani, ovvero che non siano in regola con i pagamenti dei canoni concessori dovuti al Comune in gestioni precedenti, ovvero che siano in contenzioso con l’Ente proprietario e sino alla definizione del contenzioso in atto.

 

La durata della concessione d’uso è stabilita in anni 9 (nove) a far data dalla sottoscrizione della Concessione Contratto in deroga ex art. 45 L. 203/82, ed è effettuata a corpo e nelle condizioni in cui si trova e con esplicita rinuncia da parte del concessionario a ogni pretesa in ordine a carenze in atto o che sopravverranno a seguito di nuove normative, salvo il diritto di recesso da comunicare nei termini dei richiamati Disciplinari tecnico economici del Comune di Asiago e della Unione Montana “Spettabile Reggenza dei Sette Comuni”.

Le chiudende e i recinti saranno messi in opera dai concessionari a proprie cura e spese. Essi vi provvederanno immediatamente dopo l’intervenuta sottoscrizione della Concessione-contratto. Sino a tale data essi non sono legittimati in alcun modo né ad accedere, né a coltivare i lotti anche se provvisoriamente assegnati.

 

La Concessione dei lotti dovrà essere preceduta dalla sottoscrizione della concessione-contratto in deroga, esclusivamente nelle forme di cui all’art. 45, comma 2, della legge 3 maggio 1982, previa costituzione della cauzione definitiva che qui si stabilisce nel 50% del canone annuo di aggiudicazione.

In caso contrario e trascorsi 15 giorni dalla data di ricevimento della nota di invito scritto alla sottoscrizione dell’atto, rivolto al provvisorio assegnatario, NON si farà luogo alla concessione del  Fondo e l’Ente concedente procederà alle successive assegnazioni, previo incameramento della cauzione provvisoria resa a garanzia della sottoscrizione della concessione-contratto.

 

Fa parte integrante della Concessione-contratto la planimetria del lotto concesso.

 

Costituiscono oneri compresi nel prezzo offerto anche quelli connessi alle preesistenze di cave, di edifici ovvero di esistenti o nuove installazioni di capanni di caccia e comunque all’esercizio delle attività di caccia, di esbosco, di uso,  di pista e impianto per le attività estive e invernali, di sentieri e percorsi pedonali, di accesso e di ogni altro utilizzo che l’Ente intende dare al territorio. La riduzione o l’aumento del territorio dato in concessione rispetto all’attuale situazione di fatto, potrà comportare la corrispondente variazione del canone annuo in misura proporzionale alla superficie ridotta o aumentata.

 

A garanzia della sottoscrizione della Concessione-contratto in deroga, ogni aspirante alla gara deve depositare presso la Tesoreria Comunale Cassa di Risparmio del Veneto – Agenzia di Asiago, l’importo della cauzione provvisoria  qui stabilita in € 100,00. Tale garanzia può essere resa anche mediante deposito di titoli di Stato o da questo garantiti, valutati al prezzo medio di borsa del giorno precedente a quello della gara, nonché a mezzo fidejussione. Sarà restituita all’atto della sottoscrizione della concessione-contratto in deroga ex art. 45 L. 203/82.

 

Le migliorie apportate al territorio e alle strutture concesse, salvo gli obblighi derivanti dalla corretta conduzione dei fondi e previsti dal più volte richiamati Disciplinari Tecnico Economici, dovranno essere autorizzate dal Comune di Asiago. Per tali migliorie, se autorizzate, il proprietario si obbliga e si impegna a non chiedere né a pretendere alcunché circa le spese dallo stesso sostenute per le migliorie stesse. Il Comune di Asiago, in qualità di proprietario, privilegerà il miglioramento produttivo senza aumentare il canone di concessione in relazione all’aumentata produttività dei fondi stessi.

 

È vietata ogni forma di sub-concessione. È vietata la cessione della Concessione-contratto. In caso di inadempienza il Comune incamererà la cauzione e dichiarerà decaduta la Concessione-contratto.

 

Tutti gli interessati sono invitati a prendere esplicita visione degli obblighi che sono posti a carico dei concessionari in virtù del Disciplinare Tecnico Economico per l’utilizzo dei pascoli montani del Comune di Asiago, obblighi che si intendono comunque ben noti, conosciuti e senza riserva alcuna accettati con la sottoscrizione dell’offerta.

 

Tutte le spese inerenti e conseguenti la stipula della concessione-contratto in deroga, nessuna esclusa, saranno a carico dei Concessionari.

 

LOTTI POSSESSIONE AGRICOLA KABERLABA

 

LOTTO N. 1

PRATO

fg.

m.n.

superficie totale ha.

superficie assegnata ha.

equivalenza millesimi

34

153

0.42.20

0.10.41

247/1000

34

174

0.03.58

0.03.58

1000/1000

34

177

0.01.28

0.01.28

1000/1000

34

178

0.13.63

0.13.63

1000/1000

34

191

0.53.45

0.53.45

1000/1000

34

192

1.04.99

1.04.99

1000/1000

34

193

0.34.01

0.26.30

773/1000

34

250

6.22.68

0.43.40

70/1000

TOTALE

2.57.04

 

Superficie totale assegnata: ha. 2.57.04

Equivalenza in campi vicentini: n. 6.65 (1 campo vicentino = ha. 0.38.62)

Base d’asta: € 81,11 a campo vicentino

Garanzia provvisoria € 100,00

 

 

LOTTO N. 2

PRATO

fg.

m.n.

superficie totale ha.

superficie assegnata ha.

equivalenza millesimi

34

194

0.88.47

0.10.71

121/1000

34

195

0.02.94

0.02.94

1000/1000

34

197

0.71.77

0.60.87

848/1000

34

198

1.40.12

1.40.12

1000/1000

34

199

0.08.20

0.08.20

1000/1000

34

201

0.26.86

0.23.58

878/1000

34

202

0.10.25

0.06.03

588/1000

34

250

6.22.68

0.03.08

5/1000

36

31

0.36.94

0.36.94

1000/1000

36

32

0.46.92

0.15.74

335/1000

TOTALE

3.08.21

 

Superficie totale assegnata: ha. 3.08.21

Equivalenza in campi vicentini: n. 7.98 (1 campo vicentino = ha. 0.38.62)

Base d’asta: € 104,28 a campo vicentino

Garanzia provvisoria € 100,00

 

 

LOTTO N. 3

PASCOLO

fg.

m.n.

superficie totale ha.

superficie assegnata ha.

equivalenza millesimi

34

153

0.42.20

0.31.79

753/1000

34

193

0.34.01

0.07.71

227/1000

34

194

0.88.47

0.01.79

20/1000

34

200

1.07.89

1.00.01

927/1000

34

204

1.41.32

1.29.31

915/1000

34

206

0.04.92

0.04.92

1000/1000

34

207

0.15.05

0.15.05

1000/1000

34

209

0.59.55

0.15.36

258/1000

34

250

6.22.68

3.92.24

630/1000

34

258

0.37.61

0.05.88

156/1000

34

260

5.08.88

0.29.41

58/1000

TOTALE

7.33.47

 

Superficie totale assegnata: ha. 7.33.47

Equivalenza in campi vicentini: n. 18.99 (1 campo vicentino = ha. 0.38.62)

Base d’asta: € 46.35 a campo vicentino

Garanzia provvisoria € 100,00

 

Il Responsabile del Servizio

F.to Roberto Serembe

Allegati Notizia

Data ultimo aggiornamento: 04/12/2017
Piazza Secondo Risorgimento, 6
P.Iva IT 00467810248
E-mail: comune@comune.asiago.vi.it PEC: asiago.vi@cert.ip-veneto.net