Servizi a favore dei cittadini presso l' Ufficio Politiche Sociali

Il servizio di assistenza domiciliare rappresenta l’insieme degli interventi diretti a persone o a nuclei familiari che non siano in grado, anche temporaneamente, di soddisfare le esigenze personali e di gestione della vita quotidiana. Nello specifico il servizio domiciliare è diretto a persone sole, o famiglie i cui componenti anziani siano in condizioni di parziale o totale non autosufficienza, purchè in famiglia o nella sfera parentale vi siano persone che collaborano all’assistenza.

Questo servizio si prefigge quattro obiettivi fondamentali:

  • prolungare la permanenza delle persone nel proprio ambiente;
  • sostenere a domicilio il carico assistenziale delle persone che provvedono ad assistere i familiari parzialmente o non autosufficienti;
  • prevenire situazioni di emergenza;
  • evitare ricoveri ospedalieri impropri.


Il servizio viene erogato, tramite Assistenti Domiciliari, a pagamento e la tariffa (decisa dalla Giunta Comunale) applicata all’utente è valutata sulla base della sua condizione patrimoniale.

  • Il servizio pasti caldi a domicilio ha carattere d’integrazione assistenziale alla popolazione anziana. L’attivazione avviene su richiesta dell’interessato, quando la rete di supporto familiare (se esistente) è impossibilitata a far fronte al bisogno.

Il servizio viene erogato a pagamento sulla base di una tariffa approvata annualmente dalla Giunta Comunale (generalmente pari al costo vivo del pasto stesso).

  • Il telesoccorso e telecontrollo domiciliare è un servizio telefonico gestito da una società di Vicenza convenzionata conla Regione del Veneto e operante in tutto il territorio, rivolto a soggetti a rischio socio sanitario, avente lo scopo di garantire agli stessi un’assistenza tempestiva in situazioni di emergenza, come ad esempio: allertare il pronto soccorso, parenti ecc. L’attivazione del servizio è gratuita.

Contributi economici
  • Integrazione retta di ricovero: è un contributo con cui il Comune di residenza integra la spesa delle rette di degenza presso strutture residenziali, quali Case di Riposo, Residenze Sanitarie Assistenziali, ecc. La valutazione per concedere l’aiuto economico è effettuata dai servizi sociali ed è finalizzata a verificare se l’interessato con le sue risorse è in grado di affrontare la spesa mensile della retta; in alternativa se vi sono familiari obbligati ai sensi del codice civile ad aiutare economicamente l’anziano non autosufficiente, in ultima analisi interviene il Comune di residenza.
  • Minimo Vitale: rientra tra gli interventi di natura economica ordinaria e con esso si vuole garantire all’utente il livello minimo di soddisfazione delle esigenze fondamentali di vita. Il contributo economico è proposto mediante istruttoria e relazione dell’assistente sociale del Comune per il periodo strettamente necessario a risolvere la situazione che ha determinato la presa in carico. Per l’anno 2012 il limite ISEE (reddito + patrimonio del nucleo familiare di riferimento) previsto per accedere a questo beneficio è pari ad € 9.438,70. Per il beneficio minimo vitale è possibile presentare in qualsiasi momento l’istanza all’ufficio Politiche Sociali del Comune, seguirà in tempi brevi la valutazione del caso e conseguente assegnazione economica.
  • Faggio Gratuito: gli aventi diritto potranno richiedere annualmente l’assegnazione della legna-faggio in forma gratuita. Per questo servizio, oltre ai requisiti reddituali suddetti, occorre:
    • vivere da soli o in coppia;
    • avere un’età superiore ai 65 anni e in alternativa la presenza nel nucleo familiare di una o più persone invalide almeno al 74%;
    • non avere figli maschi in età lavorativa residenti sull’Altopiano.

Per l’assegnazione della legna-faggio gratuita è previsto un periodo dell’anno, in genere il bando è pubblicato in primavera, nel quale è possibile presentare la richiesta.

  • Assegnazione di contributi straordinari: sono valutati dall’Ufficio Politiche Sociali e non sono collegati alla situazione reddituale del singolo o di un nucleo famigliare richiedente tale beneficio.
Accesso alle prestazioni economiche integrative del reddito concesse dalla Regione del Veneto tramite i Comuni di residenza.

Assegni di cura regionali:
  • la Regione Venetoconcede aiuti economici continuativi ad anziani non autosufficienti che vivono in casa, con limitato reddito. Le domande possono essere presentate in qualsiasi momento dell’anno; materialmente il beneficio economico sarà erogato ai beneficiari l’anno successivo alla presentazione della domanda.
  • la Regione Venetoconcede aiuti economici continuativi alle persone che assistono in casa anziani non autosufficienti con limitato reddito e patologia di demenza-alzheimer accompagnata da gravi disturbi comportamentali. Le domande possono essere presentate in qualsiasi momento dell’anno; materialmente il beneficio economico sarà erogato ai beneficiari l’anno successivo alla presentazione della domanda.
  • contributo economico regionale a favore delle famiglie che assistono in casa anziani non autosufficienti, mediante l’aiuto di assistenti familiari “badanti”, regolarizzate con un contratto di lavoro. Per accedere al beneficio economico, occorre non superare il reddito chela Regioneindica annualmente.

Le domande possono essere presentate in qualsiasi momento dell’anno, materialmente il beneficio economico sarà erogato ai beneficiari l’anno successivo alla presentazione della domanda.

Interventi di sollievo alle famiglie
Riguardano quegli interventi finalizzati a consentire alla famiglia impegnata nell’assistenza del proprio familiare in condizione di non autosufficienza, di riorganizzare le proprie risorse e di poter far fronte ad eventuali situazioni di criticità nella vita familiare attraverso:

  • periodi di soggiorno in struttura residenziale o semiresidenziale protetta per rispondere al duplice obiettivo di attenuare la pressione assistenziale in famiglia e di consentire alla persona la possibilità di fare trattamenti sanitari di difficile attuazione in casa;
  • erogazione di un contributo economico denominato ”Buono servizio” che permette l’accesso temporaneo in strutture residenziali per anziani non autosufficienti;
  • l’assegnazione di un “assegno di sollievo” finalizzato all’assistenza integrativa attivata dalla famiglia che assiste al proprio domicilio familiare non autosufficienti in età anziana, tale contributo può essere erogato in forma una tantum.

L’Assistente Sociale dell’Ufficio Politiche Sociali delComune di Asiago, su richiesta degli utenti, può fornire consulenze e valutazioni per orientare le persone a decidere quale soluzione sia più adeguata nel caso specifico.

Legge n. 13/89 e legge regionale n. 16/2007 sull’eliminazione delle barriere architettoniche all’interno di edifici privati. Possono accedere ai contributi economici concessi dalla Regione e dallo Stato, persone anziane con ridotte o impedite capacità motorie e sensoriali, oltre altre categorie previste dalle normative di riferimento. Non vi sono limiti di reddito.

Le domande possono essere presentate tutto l’anno e di solito, il beneficio economico sarà erogato l’anno successivo alla presentazione della domanda.

Legge n. 431/98: concede contributi economici a persone in possesso di contratto di locazione con un reddito rilevato dall’attestazione ISEEFSA uguale e/o inferiore ad € 14.000,00 e comunque riparametrato anno per anno;

I requisiti per accedere a tale contributo sono:

  • avere un contratto di locazione regolarmente registrato presso l’Agenzia delle Entrate;
  • l’immobile deve essere configurato in una delle categorie catastali indicate dalla Regione Veneto (non di lusso);
  • la superficie dell’immobile non deve essere superiore, per n. 3 persone, a 95 mq.;
  • nel caso di cittadini stranieri extracomunitari occorrono gli estremi della carta o del permesso di soggiorno in corso di validità.
Gli utenti interessati ad acquisire informazioni e a presentare domanda per l’inserimento in strutture residenziali (tipo Casa di Riposo) possono rivolgersi all’Ufficio Politiche Sociali del Comune, in quanto componente delle unità valutative multidimensionali distrettuali per l’accesso alla rete dei servizi.
L’Ufficio Politiche Sociali delComune di Asiagoraccoglie inoltre, le iscrizioni dei soggiorni climatici marini per anziani organizzati dalla Comunità Montana.
Organizza i corsi di lingua inglese, i corsi di attività motoria per adulti/anziani e i soggiorni termali di cura e relax, visita alle malghe comunali per gli anziani residenti.

Per tutte le richieste e informazioni, è possibile contattare telefonicamente al n. 0424/460450 l’ufficio Politiche Sociali del Comune di Asiago o recarsi personalmente presso la sede in Piazzetta degli Alpini n. 38.
torna all'inizio del contenuto